LUCCHESE-BARLETTA 2-0

DSCN9896.JPGChi ben inizia….. Bella vittoria dei rossoneri al primo appuntamento di campionato; finisce 2-0 sotto i 36 gradi del Porta Elisa, ma la vittoria va ben oltre il risultato! In tanti tifosi l’emozione di esser ritornati in Prima Divisione e la curiosità di vedere all’opera una squadra straripante in Seconda Divisione e rinforzata a dovere.

Passano nemmeno tre giri di lancetta e due dei nuovi confezionano l’1-0; invenzione in verticale di Gigetto Grassi e realizzazione di bomber Marotta, seguito per quasi tutto il mercato.

La Lucchese non si ferma e in più di una circostanza da l’impressione di dilagare. Altre giocate di Grassi, mettono un paio di volte Biggi nelle condizioni di segnare, mentre gli ospiti non riescono a pungere in nessun modo.

La prima frazione si chiude sul punteggio di 1-0, ma gli uomini di Favarin possono recriminare per non aver chiuso il conto.

Ad inizio ripresa il Barletta prova ad uscire dal guscio, ma la sensazione è che si assista ad un secondo tempo sulla falsariga del primo….. Ma il calcio è una scienza inesatta ed ecco l’episodio che può far cambiare la partita: su un lancio centrale in verticale, Infantino sembra avere la meglio su Lollini che, poco prima di entrare in area, lo trattiene e lo stende; rosso diretto per il difensore rossonero e calcio di punizione dal limite, che non avrà esito.

Mastro Favarin mette il giovane Pezzi e passa ad un 4-3-2, con il Barletta che ora da l’impressione di crederci e inizia a schiacciare nella propria metà campo i rossoneri.

In realtà è un fuoco di paglia, perché tranne un paio di traversoni innocui, gli uomini di mister Sciannimanico non si rendono mai pericolosi, nemmeno sulla miriade di punizioni benevolmente concesse dal Sig. Aureliano di Bologna. Biggi è tanto stanco quanto straripante e solo lui può dare quelle strattonate che impediscano agli avversari di schiacciarti; su una di queste va via di forza e arrivato sul fondo mette nel mezzo dove Taddeucci, subentrato a Marotta, si avventa, ma strattonato sfiora il colpo del 2-0.

Entra anche Piccinni ad irrobustire la cerniera di centrocampo ed è proprio lui che chiude in rete una strepitosa discesa di Damiano Biggi, dopo che l’estremo ospite aveva negato a “locomotiva” la gioia del gol.

Entusiasmo sugli spalti e la consapevolezza di avere una squadra tostissima per la categoria, in linea con la grinta che sprigiona il suo “condottiero, Mastro Favarin.

Il Barletta, dal canto suo, è una delle tante ripescate ed è ancora un cantiere aperto, quindi non giudicabile.

Oltre 3000 spettatori, in una domenica di piene ferie per molti, è un successo che va sommato al successo della biglietteria aperta allo stadio, fino ad inizio partita.

Un bel sette come voto di squadra, con il “duo della garfagnana” Grassi-Biggi in grande spolvero.

Domenica prossima, sul neutro di Vasto e a porte chiuse, subito un esame di maturità contro il Foggia di Zeman che ha vinto facile a Cava dei Tirreni (la Cavese sembra abbia schierato una formazione giovanissima, piena zeppa di “berretti”……), ma ogni partita fa storia a se…….

Così i rossoneri si ritrovano in testa alla classifica per ben 575 giorni consecutivi, in tre campionati diversi e se non è un record questo…… Nessuno si illude di ripetere le ultime due stagioni, ma il divertimento al Porta Elisa è assicurato! Forza magica Pantera!!

Giulio Castagnoli

LUCCHESE-BARLETTA 2-0ultima modifica: 2010-08-22T19:34:00+02:00da fouzire
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento