LUCCHESE-SCANDICCI 1-1

graa.JPGUna partita inutile, sotto un caldo decisamente fuori stagione, con la Lucchese scarica mentalmente e con diversi giocatori fuori uso. Si può racchiudere con queste poche parole l’ultima giornata giocata al Porta Elisa. Trovare uno spunto tecnico positivo, è veramente arduo, per cui l’attenzione si sposta giustamente sull’unico momento emozionante della partita, vale a dire il ritorno in campo di Capitan Mocarelli, dopo il grave infortunio di Gavorrano. Applausi a scena aperta per il buon Francesco, che non ha mai mollato ed è sempre stato presente (anche con le stampelle!) alle partite dei compagni; condizione atletica da ritrovare (e non poteva essere altrimenti), ma solita intensità e generosità. Dopo il gol di “Mariottino” ed il pareggio di Fabbri, raccolti nello spazio di tre minuti del primo tempo, si è assistito ad una classica partita di fine stagione, giocata come detto, con un caldo asfissiante che ha ulteriormente scaricato le batterie ai 22 in campo; ad essere sinceri, sono stati gli ospiti ad avere le palle gol più nitide, mentre per i rossoneri la più clamorosa è arrivata sul finale del match, ma ne Carloto ne Bova hanno avuto la forza per spingerla dentro. Ai rossoneri mancavano sia Pera che, soprattutto, Scandurra e così senza un terminale offensivo di peso, capace di tener palla e far salire la squadra, la manovra della Lucchese è risultata lenta e senza sbocchi. Ancora una partita della regular season, poi il via alla poule-scudetto; il campionato è stato lungo e (anche se dominato) snervante, la difficoltà più grossa sarà ritrovare gli stimoli giusti per imporsi in questa manifestazione che, se andrà fino in fondo, porterà i giocatori fino al 20 di giugno. Giusto il tempo per qualche giorno di mare, poi di nuovo in ritiro pre-campionato che verosimilmente inizierà verso la metà del mese di luglio, ma noi siamo pronti per…..una lunga estate calda…..

Giulio Castagnoli     

LUCCHESE-SCANDICCI 1-1ultima modifica: 2009-05-10T19:31:52+02:00da fouzire
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento