ORA BASTA

ORA BASTA.jpgE’ stata una settimana intensa per la Sporting Lucchese. Una settimana dove è stato riscoperto il retrogusto amaro per una sconfitta, la terza in questo campionato, che non pregiudica assolutamente niente in chiave finale, ma che ha messo un pò tutti, tifosi e addetti ai lavori, sul chi và là. Personalmente, più che per la sconfitta (causata a parer mio da un approccio mentale sbagliato), mi sono preoccupato per il grave infortunio a capitan Mocarelli, un umile e bravo ragazzo oltre ad essere un ottimo giocatore e un lusso per la categoria. Al buon Francesco la Dirigenza , come “premio” per l’impegno e l’attaccamento a questi colori, ha dato un segnale forte, inequivocabile, da grande società che sa essere riconoscente a chi ha lasciato qualcosa, per la causa comune, sul campo di battaglia, rinnovando il contratto al “capitano coraggioso” anche per la prossima stagione. Al “Moca”, oltre che il classico in bocca al lupo, dedico una storica frase di un film….forza….”..capitano mio capitano…”. La Società non è stata con le mani in mano e tramite il suo Direttore Sportivo, il bravo Paolo Giovannini, è subito corsa ai ripari, andando a reperire sul mercato non un giocatore qualsiasi, ma un elemento di sicuro affidamento, un centrocampista facente parte della rosa di una squadra di Prima Divisione! Al momento non è ancora sicuro l’ingaggio di Max Pisciotta, ma siamo sulla buona strada. Intanto il Patron Giuliano Giuliani, ha iniziato, a parer mio giustamente, a mettere un po tutti con le spalle al muro; la questione del nuovo complesso a S.Donato era e rimane una prerogativa per proseguire l’impegno (fino a questo momento pienamente riuscito….) per riportare Lucca nel calcio professionistico. Chiaramente, alle tante promesse, il Presidente della Sporting vuole un seguito….. E qui si entra nella polemica bella e buona. Si vocifera, che sia una parte della maggioranza politica della nostra città che sta mettendo i bastoni tra le ruote al progetto…..ovviamente per adesso mi tengo il “segreto”, che poi alla fine è il segreto di Pulcinella. Addirittura una buona parte dell’opposizione sarebbe disposta a votare a favore del nuovo impianto!! Qui qualcosa non mi torna…… Forse, chi ha da sempre avuto idee “progressiste”, vede nel nuovo complesso una sorta di occasione per dare, una volta tanto, un impulso nuovo ad una città ancora troppo “ancorata” ai salumi di “Marzetto” o al cinema “Pantera”… Ho 42 anni, sono nato a Borgo Giannotti, mio padre era di “Lucca drento” e all’età di un anno mi sono spostato a S.Concordio, dove tutt’ora vivo; non ho MAI visto la mia città primeggiare, sempre chiusa nella sua storia, nel suo isolamento, nella sua provincialità (nel senso negativo del termine…). Siamo la capitale della contraddizione, dove certi sindacati si oppongono al progetto andando contro se stessi, ignorando il fatto che si creerebbero nuove possibilità di lavoro…..dove certi partiti della maggioranza, cercano di mettere i bastoni fra le ruote della maggioranza stessa….dove certi partiti considerano “il verde” un bene unico se si parla di stadio e annessi, ma non si rendono conto che nasce un supermercato l’anno, con inglobati decine di negozi….dove si da del razzista o del “nazista” ad un assessore che FINALMENTE cerca di mettere un pò d’ordine in una città che fino a pochi anni fa poteva vantarsi almeno di essere un’isola felice e che oggi è in mano a nomadi, extracomunitari e comunitari, da poco non più “extra”….dove s’è costruito ovunque, a sproposito e con soldi pubblici e ora ci si oppone alla costruzione di qualcosa di importante e di nuovo per la città…… Qualcosa continua a non tornarmi….. La verità prima o poi verrà fuori e allora saranno dolori per chi si renderà responsabile del fallimento del progetto di S.Donato e, DA NON SOTTOVALUTARE ASSOLUTAMENTE, per chi si renderà responsabile del fallimento del progetto Sporting Lucchese, cioè il calcio (TERZA INDUSTRIA NAZIONALE) a Lucca. Non lo considero assolutamente un ricatto, quello di Giuliano Giuliani ed anzi, ne ho sempre apprezzato la schiettezza! Per niente non fa niente nessuno….chi da certe operazioni non ha ritorni economici, ha ritorni in pubblicità o quant’altro…. A distanza di tempo si capisce perché i “romani” Della Valle abbiano preso “a cuore” le sorti della Fiorentina, un nuovo stadio? Non ci voleva un premio Nobel per capire che il “genovese” Spinelli, non è andato a Livorno attratto dal salmastro labronico…il porto? Il “perugino” Covarelli prese il Pisa attratto dai “lungarni”….infatti appena si è reso conto che non “cascava” niente, ha fatto le valige…. Ma poi, cari amici, abbiamo un esempio “in casa”…..l’innominabile ex Presidente della Lucchese Libertas 1905….in cambio di niente, ha incenerito 103 anni di storia!! Addirittura leggo che a Viareggio vogliono costruire un nuovo stadio, altrimenti addio calcio…. Rendiamoci conto, una volta per tutte, che siamo di fronte ad un bivio; se si prende una direzione, saranno contenti coloro i quali pensano che un intervento del genere porti soltanto danno alla città, al “verde” e chissà a cos’altro, ma al tempo stesso si riapre il problema di trovare una Società nuova per la squadra di calcio della città, magari con altri imprenditori che SICURAMENTE vorranno qualcosa in cambio, si perderebbe un’occasione UNICA, a costo ZERO, per mettere la testa fuori dal guscio e provare a diventare “una città” con la C maiuscola, anziché un antico borgo medioevale e si ripresenterebbe il problema-stadio, nel senso che il vecchio Porta Elisa ha ed avrà bisogno di numerosi interventi (tornelli e illuminazione in primis) che in questo caso andrebbero a gravare sulle casse comunali e quindi nelle nostre tasche. Se si prende l’altra direzione, si scontenta qualcuno questo è ovvio, ma da tifoso-cittadino vedrei un futuro roseo per la squadra di calcio della mia città (ripeto: CALCIO = terza industria nazionale!) e si risparmierebbero tanti soldi pubblici che potrebbero essere investiti per problematiche sicuramente più impellenti. Silvio Berlusconi, tanto per fare un nome “a caso”, è diventato un leader in Italia, anche grazie ai tifosi del Milan, che passano abbondantemente il milione di unità; il tifoso ragiona più col cuore che col cervello e quel tifoso che ragiona poco di politica (ammesso che ci sia qualcosa da ragionare….) sicuramente alle urne è “riconoscente” verso colui il quale ha fatto qualcosa per la sua squadra del cuore. A Lucca certe cose vanno capite…..il giorno che uno schieramento politico dovesse far “saltare” il banco (ovviamente non per ragioni di principio, ma per altri, propri interessi….), deve rendere conto alla città, ma in particolare a quei tifosi, appassionati, sportivi di calcio (stimati in circa il 10% della popolazione), che vedrebbero ancora una volta quantomeno “nebuloso” il futuro del calcio (terza industria nazionale! Mi piace ricordarlo….) a Lucca. E’ dell’ultima ora il “blocco”, da parte del giudice delegato, di una superficie pari a 16mila metri quadrati, acquistati dalla “Società di Sviluppo Sportivo” tramite regolare asta. In un momento come questo, mi sembra che qualcuno metta pulci nelle orecchie a destra e a manca e comunque mi “puzza” di estremo tentativo per ritardare l’operazione……. Forse come tifosi contiamo poco o niente, ma come elettori ognuno di noi conta per uno……almeno il lapis, nel segreto della urna, non ce lo toglierà nessuno!!!

Giulio Castagnoli                        

ORA BASTAultima modifica: 2008-11-30T11:33:49+01:00da fouzire
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “ORA BASTA

Lascia un commento